Presentazione del catalogo e libro "Emilio Isgrò. Cancellazione dei Codici - Civile e penale"

1 febbraio 2024, ore 17.00, Palazzo Magnani - sede Unicredit, Via Zamboni 20, Bologna

Nell'ambito di ART CITY Bologna 2024, in occasione dell'inaugurazione della mostra "Emilio Isgrò. Cancellazione dei Codici - Civile e penale" a cura di R. Cristina Mazzantini, L. Balbi, M. Bazzini

Info

Intervengono Marco Bazzini, Curatore della Mostra Andrea Burchi, Regional Manager Centro Nord UniCredit Italy Michele Caianiello, Direttore del Dipartimento di Scienze Giuridiche, Alma Mater Studiorum - Università di Bologna Antonio Delfino, Direttore Comunicazione e Relazioni Istituzionali di Giuffrè Francis Lefebvre

Dialogano con il Maestro Emilio Isgrò Lorenzo Balbi, Luigi Balestra, Daria de Pretis, R. Cristina Mazzantini, Francesco Vigano

Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili

ore 18.15 Opening Palazzo Malvezzi | Via Zamboni 22, Bologna Dipartimento di Scienze Giuridiche - Alma Mater Studiorum - Università di Bologna La mostra rimarrà aperto dal 2 al 9 febbraio 2024, h 10-19.30, ingresso libero

The Volume

Emilio Isgrò ha cancellato ventinove testi giuridici, in particolare il Codice civile e il Codice penale, con il fine di proporre una diversa riflessione sul significato di convivenza comune. Superando con l’atto della cancellatura le caratteristiche della lingua asciutta e fortemente antipoetica propria delle raccolte di norme giuridiche, l’artista ha dato origine a lavori dal forte impatto formale, talvolta tendenti all’ironia, che graffiano per la loro incontestabile verità. Per arricchire la riflessione è intervenuto anche sul Discorso di Pericle agli ateniesi riportato nel libro II dell’opera di Tucidide La Guerra del Peloponneso. Ciò che Pericle scrive sul senso della democrazia, sui valori umani e sul rispetto delle leggi, ha fatto di Atene un mito che mantiene le sue radici nella società di oggi.